Style Sampler

Layout Style

Patterns for Boxed Mode

Backgrounds for Boxed Mode

All fields are required.

Close Appointment form

Domande Frequenti

Consulta le domande piu frequenti poste dai nostri pazienti

Non trovi una risposta ad una particolare domanda ?

Inviaci una mail all'indirizzo info@studiobarigellioculista.com e saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Dopo aver eseguito un intervento con tecnica PRK, si devono portare lenti a contatto protettive per 5 giorni, si può avere una sensazione dolorosa per 24/48 ore, accompagnata da irritazione oculare e lacrimazione, ed è necessario assumere farmaci antidolorifici per qualche giorno. È consigliabile riprendere il lavoro non prima di 10/14 giorni. La ripresa è comunque soggettiva e varia da paziente a paziente, in quanto puo' anche essere particolarmente veloce.

La vista sarà recuperata gradualmente, nell’ordine di qualche giorno, ma il recupero totale può richiedere qualche settimana.

Si richiede un accompagnatore, anche se non è possibile assistere direttamente al trattamento, soprattutto per la guida dell’auto.

Il risultato che si ottiene con il laser ad eccimeri è definitivo, appena si è raggiunta la stabilizzazione.

L’insorgenza di ulteriori patologie, col trascorrere degli anni, come la cataratta o il distacco di retina non saranno influenzati dal trattamento laser pregresso, né tantomeno, ne influenzeranno il decorso o le cure.

Nel 98% dei casi è possibile eliminare per intero il difetto visivo. Lo scopo di questa chirurgia è proprio questo.

In quasi tutti i casi è possibile effettuare un ritocco laser per correggere l'eventuale difetto residuo, indipendentemente dalla tecnica con cui è stato effettuato il primo intervento.

Il risultato che si ottiene con il laser ad eccimeri è definitivo, appena si è raggiunta la stabilizzazione.

Il giorno dell’intervento è meglio indossare abiti comodi, che non stringano, legare i capelli lunghi, non indossare orecchini, non usare profumi o lacche. Struccarsi accuratamente occhi e viso almeno 24 ore prima, evitare l’assunzione di alcolici 24 ore prima e 24 ore dopo, perché l’alcol disidrata gli occhi.

La chirurgia refrattiva PRK è una metodica che si esegue con estrema velocità con l'anestesia mediante collirio.

Permette di correggere tutti i diversi difetti visivi.

Non indebolisce la cornea rispetto a possibili traumi.

Dà risultati stabili nel tempo.

Può dare, specialmente in una prima fase, problemi nella visione notturna.

I tempi di recupero sono variabili: spesso sono necessarie alcune settimane per avere risultati stabili.

Dà dolore in fase postoperatoria nei 2 giorni (comunque controllabile con analgesici).

Possibilità di visione con aloni, regressione ed "haze" (opacizzazione sottoepiteliale).

L’età minima è di 18-20 anni e comunque sono necessari almeno 12 mesi di stabilità del difetto.

Certamente, non esistono controindicazioni per nessuna attività che ci si senta di svolgere, dal momento che tutto questo non è di pregiudizio per la buona riuscita dell’intervento.

Certo, avendo però cura che shampo o sapone non penetrino nell’occhio operato. E’ meglio evitare la piscina per circa 1 mese. E’ da evitare anche l’esposizione a sorgenti di raggi UVA, per almeno 1 mese.

Per 10 giorni preferibilmente no.